PHYSIS, la natura dell'anima/

Contaminazioni

 

Durante le mostre di Trieste e Pesaro o attraverso iniziative digitali ho ricevuto diversi messaggi da parte di ballerine di danza contemporanea, performers ed artisti di vario genere che mi proponevano collaborazioni di interazione con le opere della mostra Physis,la natura dell'anima.

Ho deciso così di aprire la porte e lasciarmi trasportare da questa energia di contaminazione a quanto pare inarrestabile. 

È stata un’esperienza molto intensa mescolare le arti e le visioni e vorrei continuare creando, durante il periodo della mostra Physis, un micro Festival delle Arti in cui gli artisti che desiderano interagire con le mie opere o con i temi da esse trattate, possano farlo!

L’obbiettivo è di generare occasioni, condivisioni e collaborazioni. Il progetto è aperto a tutte le forme d’Arte dalla performance alla pittura, alla scultura, alla video arte, alla fotografia, alla musica, alla scenografia, alla sperimentazione con la robotica o stampa 3D eccetera.

Di seguito le prime tracce delle esperienze fatte.

Contaminazione 1-FUSIONE EFFUSIONI

Performance di Luigi Albanese:

interazione con l'opera "ARIA PESANTE" 

 

Durante la seconda tappa di Pesaro ho conosciuto Luigi, un giovane performer che ha creato, nei giorni della mostra, una piece e l’ha poi eseguita negli ultimi tre giorni.

Luigi si è agganciato il palloncino al suo ombelico, la sua anima all’ombelico…

È rimasto in meditazione per 5 ore al giorno nella stessa posizione eseguendo una performance statica in cui manteneva il braccio alzato per tutta la durata. Terminato il tempo tagliava il cordone e scriveva tutte le visioni che il palloncino gli mostrava.

Luigi sta organizzando il collettivo ayogannayo un gruppo di giovani talentuosi con il sogno di creare una comunità di artisti. 

Scarica e leggi il report della performance

palloncini-06.png

PHYSIS

Guarda le mie storie su instagram!